Cani nell’antico Egitto: le prime origini del migliore amico dell’uomo

I cani nell’antico Egitto hanno svolto un ruolo fondamentale nella vita dei loro proprietari. Erano guardie, animali domestici e simboli degli dei. Il cane era allora, come oggi, il migliore amico dell’uomo.

ome le loro controparti moderne, i cani nell’antico Egitto erano considerati “i migliori amici dell’uomo”. Ciò non sorprende poiché il cane è stato il primo animale addomesticato, a vivere al fianco dell’uomo da ca. 23.000 a.C. Gli antichi egizi ne riconoscevano il ruolo versatile, utilizzando il fedele cane come cane da guardia, aiutante durante la caccia o come animale domestico. Il legame uomo-cane si estendeva oltre questo mondo nell’aldilà. I cani mummificati venivano sepolti con i loro proprietari o talvolta nelle loro stesse bare. Inoltre, i cani occupavano un posto importante nell’antica religione egizia. L’animale era associato ad Anubi, il dio della morte, della mummificazione e dell’aldilà, solitamente raffigurato come un cane o un uomo con una testa canina.

statua dello sciacallo
Una figura in ardesia di un canino (sciacallo), ca. 3200-3000 aC, tramite l’Hearst Museum of Anthropology
I cani dell’antico Egitto hanno svolto un ruolo essenziale nello sviluppo della civiltà nella valle del Nilo. Gli egizi addomesticavano animali come bovini, pecore, capre e maiali nel periodo pre-dinastico (ca. 6000 – ca. 3150 a.C.), ma sembra che il cane fosse un compagno per gli antichi egizi anche prima che ci fosse un Egitto. L’addomesticamento del cane è avvenuto in modi diversi, in luoghi diversi. 

Alcuni cani arrivarono dal Medio Oriente, dove furono addomesticati intorno al 10.000 a.C. Altri seguirono i loro proprietari, giunti nella valle del Nilo dal Nord Africa, alla ricerca di condizioni di vita più favorevoli. I pastori e i cacciatori del Sahara raffiguravano spesso cani su strapiombi rocciosi, che usavano come riparo. Gli antichi egizi addomesticarono anche lo sciacallo, il lupo africano, condividendo la carne in eccesso con animali selvatici che vagavano alla periferia dei primi insediamenti in cerca di cibo.

cani antico egitto

Nell’antico Egitto, i cani sono attestati già nel periodo Naqada, sulla base delle prove fisiche di tombe, iscrizioni e pitture murali. Le ossa dei primi cani sono state trovate a Merimde, uno dei primi siti egiziani nel delta del Nilo occidentale. Una delle prime rappresentazioni della stretta associazione tra l’umano ei suoi compagni canini proviene da un piatto di ceramica del periodo pre-dinastico (circa 4000 a.C.) che mostra il conduttore accompagnato da quattro cani da caccia, ciascuno al proprio guinzaglio.

cani di soccorso nell'antico egitto

Il rilievo dalla tomba di Mereruka, che mostra due Tesem condotti al guinzaglio, ca. 2345–2333 aEV, Saqqara, Egitto, tramite The Nile Magazine

Mentre i cani sono raffigurati in molte opere d’arte egiziane , che vanno dalla ceramica alle pitture tombali e alle statue, la loro razza è difficile da discernere. Forse è per questo che gli antichi egizi, piuttosto che avere nomi di razza specifici, usavano due parole per tutti i cani addomesticati: iwiw per “cane che abbaia” e tesem per “cane che non abbaia” o cani da caccia.

dipinto cane seduto
Facsimile di un dipinto nella tomba di Nebamun, che mostra un cane seduto sotto la sedia del suo proprietario, ca. 1479–1458 aEV, tramite il Metropolitan Museum of Art

Sulla base delle prove visive, i cani nell’antico Egitto erano di sette tipi distinti: il Basenji, il Greyhound, l’Ibizan, il Faraone, il Saluki, il Whippet e il Molosso. Questi ultimi provenivano dalla Grecia ed erano rinomati come i cani da guerra del mondo antico. Gli altri erano razze nordafricane, animali prevalentemente agili ed eleganti, usati come cani da caccia per selvaggina sia piccola che grande, e usati come cani da guardia e animali domestici. Inoltre, i cosiddetti “cani paria”, canidi selvatici e randagi di razza mista, spesso cacciati intorno alla periferia di un insediamento o di una necropoli.

processo Anubi

Scena della pesatura del cuore, dal papiro di Ani, c. 1250 a.C., tramite il British Museum

I “cani paria” viaggiavano in branco e cercavano cibo, scavando persino nei cimiteri in cerca di ossa. Forse proprio per questo motivo, gli antichi egizi iniziarono a seppellire i loro morti nelle tombe e introdussero i cani nei dogmi della loro religione. Il Basenji, il Greyhound, l’Ibizan e uno sciacallo, ispirarono l’immagine di Anubi, il protettore dei cimiteri e delle tombe. Anubis è raffigurato come una figura umana con una testa di cane/sciacallo o come un canino, ed era uno dei principali dei dei morti. Anubi guidava le anime dei defunti verso Osiride e l’aldilà (se passavano “il giudizio”, al quale presiedeva anche Anubi).

cani mummia da compagnia nell'antico egitto

Mummia di cane egizio, 30–395 d.C., via Museo Egizio Torino

Come il gatto, un altro animale popolare nell’antico Egitto, i cani erano considerati vasi divini, intermediari tra i mortali e gli dei. Il centro di culto di Anubi, chiamato Cynopolis (“Città del cane”) era pieno di canini che vagavano liberamente per il tempio e per le strade. Dopo la loro morte, sarebbero stati sacrificati per ottenere il favore del dio. Ma, poiché il tasso di mortalità dei cani del tempio era insufficiente, il sacerdozio creò una specie di allevamento di cuccioli al solo scopo di allevare cani per il sacrificio rituale ad Anubi . Mentre a noi questo può sembrare spietato, gli antichi egizi credevano che questi cani andassero dritti per incontrare Anubi, andando così in un posto migliore.

nome del cane situla tolemaica

Una situla tolemaica, raffigurante un cane chiamato “Nefer” che significa “Il Bello” e il suo proprietario, 305-30 a.C., via Cleveland Museum of Art

Mentre gli antichi egizi sacrificavano ritualmente milioni di cani per placare Anubi, l’uccisione non autorizzata di un cane comportava severe sanzioni. Inoltre, se il cane aveva il collare ed era di proprietà di una persona, era considerato un crimine capitale, punito con la morte. Poiché Anubi era il dio della morte, l’autore del reato sarebbe stato tormentato anche dopo la sua morte. Come nel caso dei gatti , la morte di un cane di famiglia provocava lo stesso dolore di un essere umano, e i membri della famiglia si radevano le sopracciglia per piangere il cane defunto.

statua cani di piccola taglia nell'antico egitto

Sciacallo calcareo o cane su un piedistallo, con indosso un collare con ciondolo, I secolo a.C. – II secolo d.C., tramite il British Museum

I cani nell’antico Egitto avevano sempre un nome, i loro nomi scritti sui collari. I collari e le raffigurazioni in pelle conservati su affreschi, stele e rilievi includono nomi che riflettono le qualità dei singoli cani, nonché termini affettuosi e descrizioni del colore: Brave One, Reliable, Healthy, Grabber, North-Wind, Good Herdsman, Antelope , Blacky e persino “Inutile”. Sia la gente comune che gli aristocratici adoravano i cani, compresi i faraoni. Il cane Abuwtiyuw (o Abutiu), che morì prima del 2280 a.C., era un cane da guardia reale che ricevette un’elaborata sepoltura cerimoniale nella necropoli di Giza per volere di un faraone sconosciuto.

cani da affresco nell'antico egitto

Dipinto realizzato su un affresco della Tomba di Rekhmire, raffigurante i cani da caccia, ca. 1479–1425 aEV, tramite il Metropolitan Museum of Arts

Il ruolo di un cane durante la sua vita è continuato nell’aldilà. Proprio per questo motivo, gli antichi egizi mummificavano i loro compagni canini e li seppellivano nelle proprie bare, spesso riccamente decorate. In effetti, gli antichi egizi amavano i loro cani. Numerose scene di tombe raffigurano cani da compagnia e da caccia accanto ai loro padroni, seduti pazientemente sotto le sedie o che li accompagnano nella caccia. Anche dopo l’annessione romana dell’Egitto , i cani hanno mantenuto il loro posto privilegiato di “migliore amico dell’uomo” nella terra dei Faraoni e non solo, rimanendo fedelmente al nostro fianco.

 Vedran Bileta 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: