Deir el-Bahari

L’insieme dei cimiteri associati al circo geologico della mezzaluna di Deir el-Bahari e alla sua montagna (el-Qurn – “il corno”) costituisce una delle necropoli più imponenti del periodo faraonico. Dalla riva occidentale del Nilo, questo complesso si allineava con le prime costruzioni dedicate nella città di Tebe al dio Amon di Karnak, che arrivò anche a definire il carattere di questo territorio come centro religioso di associazione con la regalità e il dio , al di là del puramente escatologico. Con la costruzione del suo complesso funerario in questa zona, Nebhepetre Mentuhotep (II) mostrò la sua intenzione di abbandonare le tradizioni precedenti, soprattutto quelle che avevano legato la sua famiglia a el-Tarif, e intraprendere un nuovo programma ideologico, artistico e religioso che si concentrava su il rafforzamento dell’integrazione della corona, intellettuale, culturale e artistica al servizio dello Stato e il consolidamento della riunificazione recentemente raggiunta. Senza dubbio, il trionfo politico della sua dinastia, la riattivazione dell’amministrazione centrale e locale e il prestigio acquisito come monarca riunificatore del paese fecero del suo monumento (Akh-sut-Nebhepetre) un luogo di culto che avrebbe ispirato le generazioni successive, come fu il caso della regina-faraone Hatshepsut o dei numerosi funzionari del Nuovo Regno.

La necropoli tradizionalmente conosciuta come Deir el-Bahari integra diversi cimiteri, in alcuni casi contemporanei, i cui monumenti potrebbero indicare l’esistenza di diversi strati socioeconomici e di prestigio nel territorio. Infatti, un semplice sguardo ai complessi funerari dei visir Dagi (TT 103, Asasif) e Ipi (TT 315, Deir el-Bahari), costruiti su larga scala in prossimità del complesso funerario di Mentuhotep II, dimostra una grande differenza rispetto ad altri complessi di personaggi meno prestigiosi o con incarichi meno significativi, come l’arciere Neferhotep (TT 316, Deir el-Bahari) e il supervisore dell’harem Djari (TT 366, Asasif). In ogni caso, per il progetto UAH è coerente analizzare la distribuzione di questi complessi, la loro datazione e le principali caratteristiche architettoniche e di cultura materiale che li definiscono. Lo studio dei cimiteri della fine dell’XI dinastia e dell’inizio della XII dinastia diventa, quindi, un compito fondamentale della spedizione UAH in Egitto e uno studio primario per i vari membri di essa, ciascuno dalla propria prospettiva. prospettiva (antropologica, epigrafica, archeologica, geologica, ecc.).

Nei primi anni del regno di Mentuhotep II, dopo la tanto attesa riunificazione, e probabilmente anche durante il regno dei suoi due omonimi successori, Mentuhotep III e IV, la costruzione del complesso funerario del re e il connesso incremento della necropoli dovette essere regolato dai rapporti alla corte di Tebe e dal prestigio e dal servizio di ciascuno di coloro che circondavano il monarca. Visir, sindaci, cancellieri e tesorieri riuscirono a collocare i loro monumenti di eternità attorno al complesso di Mentuhotep II. Le innovazioni architettoniche emerse, lo stile dei programmi testuali e decorativi e la cultura materiale riscontrabile in ciascuna costruzione permettono di distinguere, dall’epoca dei predecessori di Mentuhotep a el-Tarif agli ufficiali che servirono Amenemhat I prima del trasferimento dalla capitale a el-Lisht, una serie di settori e una crescita graduale della necropoli, che non mancò di sottolineare i rapporti del re con Amon, la protezione della dea Hathor nella necropoli e il successo ottenuto dai fedeli servitori della monarchia. Anche se la corte reale si trasferì a Tebe all’inizio della XII dinastia, sono ancora attestati numerosi individui che continuarono a utilizzare il cimitero alla fine dell’XI dinastia come luogo sacro e prestigioso in cui raggiungere l’eternità sotto lo sguardo vigile. . sguardo del grande monarca Nebhepetre Mentuhotep.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: